Summerschool : Formazione allo studio della ceramica italiota

In Magna Grecia, la ceramica figurata è una delle fonti principali per la conoscenza delle società antiche, come è illustrato dalla vitalità della ricerca in questo campo. La documentazione e lo studio di questa classe di materiali e della sua iconografia richiedono di associare diversi approcci e punti di vista, attraverso lo studio congiunto dei contesti archeologici, dei repertori morfologici e degli aspetti tecnici e stilistici. Condotta da archeologi e specialisti della ceramica dell’Italia meridionale, la Summer School permetterà ai partecipanti di approfondire le loro conoscenze teoriche e pratiche sulla ceramica italiota (V-III secolo a.C.).

Quattro argomenti principali saranno trattati durante la settimana:

  • storia della ricerca
  • produzione, diffusione e usi
  • vasi in contesto e vasi da collezione
  • documentazione, interpretazione e analisi.

Si presterà particolare attenzione ai nuovi usi digitali: open access, database, analisi quantitativa, fotogrammetria…

L’iniziativa è rivolta a giovani studiosi (specializzazione, dottorato, post-dottorato) di tutte le nazionalità, la cui ricerca è legata ai temi del workshop o che desiderano perfezionarsi nel campo della ceramica italiota. Le lingue utilizzate sono il francese e l’italiano; la padronanza di entrambe le lingue è essenziale.

Tra le candidature pervenute saranno selezionati 10 partecipanti.
La Summer School si svolgerà a Napoli e Matera e consisterà in una serie di lezioni metodologiche, accompagnate da visite e da laboratori pratici (descrizione, fotografia, disegno, fotogrammetria…) nei musei e nei loro depositi. La formazione sarà completata da sessioni in cui i partecipanti presenteranno un caso di studio in relazione alle loro ricerche e ai temi sviluppati nella Summer School.

Invio delle candidature entro il 15 aprile 2021

La domanda di partecipazione prevede l’invio di un curriculum vitae (da 2 a 3 pagine) e una lettera di presentazione motivata (2 pagine), in formato PDF, da far pervenire entro il 15 aprile 2021, ore 12:00 (ora di Roma) a Fabien Bièvre-Perrin: fabien.bievre-perrin@efrome.it.

Per saperne di più, visita il sito del Centre Jean Bérard

 


Fabien Bièvre-Perrin

Fabien Bièvre-Perrin est docteur en Histoire et Archéologie des Mondes Anciens de l'Université Lumière Lyon 2. Il gère les carnets Antiquipop et Klinai sur la plateforme Hypothèses. Ses recherches se concentrent sur l'archéologie de la Grande Grèce et de l'Illyrie ainsi que sur la réception de l'Antiquité dans la culture populaire et la politique contemporaines.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search