Per i defunti e per gli dei. Riflessioni aggiornate sui piatti da pesce a figure rosse

Definizione e breve inquadramento fino agli studi McPhee-Trendall

La denominazione moderna di piatto da pesce definisce una tipologia di contenitore, più spesso in ceramica1 e di forma circolare2 (fig. 1), il cui profilo si caratterizza per la vasca da poco profonda a piana, l’incavo centrale e il labbro distinto e revoluto, in molti casi pendulo e talora così espanso da nascondere il sostegno, quest’ultimo di altezza variabile ma in generale basso e con piede ad anello. Piatti da pesce furono realizzati in ceramica priva di rivestimento o rivestita (ad es. a vernice nera) e, nel corso del IV secolo a.C., furono spesso completati con decorazioni figurate dipinte in diverse tecniche, ad es. a tempera, a figure nere e a figure rosse. In quest’ultima tecnica, soprattutto, furono decorati i più numerosi esemplari con animali marini, dai quali derivano la denominazione e ogni ipotesi relativa alla funzione e al significato.

Fig.1. Piatto da pesce apulo di forma circolare, Louvre, K 588. (https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Fish_plate_Louvre_K588.jpg)

Pur comprendendo esemplari dipinti in altre tecniche, ai piatti da pesce a figure rosse fu principalmente dedicato il primo repertorio redatto da Ian McPhee e Arthur Dale Trendall3, in seguito arricchito da un fascicolo di Addenda4. Nonostante l’impianto attribuzionistico per alcuni versi superato e la necessità di implementazione dovuta a nuove scoperte e nuove edizioni di reperti, il lavoro dei due studiosi mostra ancora la sua validità nella seriazione stilistica generale e nelle considerazioni, qui di seguito richiamate, a riguardo di origine, cronologia, aree di produzione e diffusione, costanti figurative e decorative, dimensioni, ipotetico uso e possibile denominazione antica dei piatti da pesce.

La consuetudine di decorare con figure piatti di tal foggia sarebbe stata introdotta a partire dal 400 circa a.C. ad Atene e, pressoché contemporaneamente, in Sicilia e in Calabria, per diffondersi poi in altre produzioni figurate ed esaurirsi entro l’ultimo trentennio del IV secolo a.C. (fig. 2).

Fig. 2. Indicazione delle principali aree di produzione dei piatti da pesce figurati (in giallo le prime, in rosso le derivate). Rielaborazione da https://klinai.hypotheses.org/63

In Grecia, alla produzione di piatti da pesce figurati ateniesi si affiancarono quelle localizzate a Corinto, nella Calcidica e in Elide. Tra esse, tuttavia, solo quella ateniese sarebbe stata ampiamente esportata: il circoscritto Gruppo A (cosiddetti Europa plates) risultava essenzialmente diffuso nelle località affacciate sul Mar Nero; il Gruppo B, più numeroso e presente in quantità ridotte nei contesti di Atene stessa e di Brauron, era attestato anche a Spina e in altri luoghi diversi e distanti del Mediterraneo occidentale (Alcácer do Sal, Cirene, Euesperide, Ampurias, Ensérune, Oristano) e orientale (Larissa); il Gruppo C, diffuso in più luoghi della Grecia (Atene, Mykonos, Delos, Isthmia, Olynthus), registrava anch’esso una presenza sul Mar Nero (Tamam e Kerch), oltre che a Cipro, a Spina e ad Ampurias. Colpiva, di contro, l’assenza di esemplari attici nell’Etruria tirrenica, in Sicilia e in Italia meridionale, a eccezione di un solo piatto, la cui rara provenienza da Calvi (Campania) fu opportunamente segnalata. Sperimentazioni locali numericamente circoscritte venivano localizzate sulla costa orientale dell’Adriatico, specificatamente a Durazzo (Albania), e nell’area etrusco/laziale, limitatamente ad alcuni esemplari ceretani. Ben più consistente appariva la presenza dei piatti da pesce nelle produzioni a figure rosse siceliota e italiota. Primi in ordine di tempo in Occidente e coevi nelle origini a quelli attici, i piatti da pesce della Sicilia e del versante tirrenico meridionale della penisola erano documentati nelle aree di produzione e fino alla Lucania e alla Campania, cui si sommavano due eccezionali rinvenimenti nell’emporion di Naucrati (Egitto). La direttrice tirrenica della loro circolazione rappresentava un documento ulteriore rispetto al fenomeno della mobilità degli artigiani che avrebbero dato vita alle produzioni a figure rosse campana e pestana in generale, espressasi anche nella realizzazione locale di piatti da pesce derivati dalla tradizione dei precursori sicelioti. I piatti campani decorati a figure rosse con animali marini, ascritti stilisticamente sia alla produzione capuana sia a quella cumana, avrebbero toccato per lo più il mercato di prossimità immediata, così come quelli pestani.

Quantitativamente e qualitativamente più ricca e varia, la produzione apula, per la quale si segnalava l’influenza del Gruppo di Morgantina e l’isolata provenienza da Metaponto di uno dei primi esemplari, si sarebbe invece diffusa da principio, pur essendo avviata in officine tarantine, essenzialmente in centri indigeni, con una riconosciuta concentrazione a Ruvo di Puglia e successivamente nel territorio canosino (figg. 3-4).

Fig.3. Piatto da pesce apulo da Ruvo di Puglia al Museo Nazionale Jatta, attribuito al Pittore della Sogliola. Foto G. Gadaleta, Corpus Vasorum Antiquorum, Italia, 83, Ruvo, Museo Nazionale Jatta, 4, Roma 2017, tav. 15.1.  

Fig.4. Piatto da pesce apulo da Canosa, Ipogeo Varrese, attribuito al Pittore di Bloomington. Foto Museo Archeologico Nazionale di Canosa di Puglia.

Sulla base di tale diffusione, si individuava, accanto alla produzione originaria di Taranto, una seconda localizzata a Canosa, collegata stilisticamente all’officina tardoapula dei Pittori di Baltimora e del Sakkos Bianco, che avrebbe spostato la propria attività in quella zona, ottemperando sul posto alle esigenze del mercato locale fino all’esaurirsi della produzione a figure rosse e anche oltre, come documenterebbe la realizzazione di esemplari a tempera del cosiddetto Gruppo di Ordona5. Tra le due, vi sarebbe un’esperienza di collegamento di possibile localizzazione ruvese6. Infine, si metteva in risalto l’assenza di piatti da pesce prodotti dalle officine lucane, forse a causa dello spostamento ormai avvenuto, nel momento di maggior successo dei patti, in direzione delle zone interne della Basilicata, troppo distanti dal mare per apprezzare manufatti legati a una radicata consuetudine con la fauna ittica7. Nel diametro, mediamente intorno ai 20 cm, il repertorio registrava e segnalava eccezioni sia in eccesso (fino a 55 cm) sia in alcune realizzazioni miniaturistiche (meno di 6 cm)8. Si segnalavano, inoltre, costanti e differenze decorative nelle produzioni: la cavità centrale, che può essere contornata da una semplice linea o da un pattern decorativo più elaborato, è campita in nero o decorata con pesci di piccole dimensioni nella produzione ateniese, risparmiata o nera in molte di quelle occidentali o anche occupata da elementi ornamentali di altro genere in quella apula; il labbro è spesso decorato con tralci di edera o di alloro, onde, semplici tratti, mentre una fascia decorata a puntini può bordare la tesa della vasca, specialmente nelle produzioni siceliota e pestana; eccezion fatta per il ridotto numero dei cosiddetti Europa plates” attici – del tutto sui generis per dimensioni e per l’uso delle creature marine quali elementi utili per l’ambientazione del soggetto mitologico -, la decorazione dei piatti da pesce consiste costantemente nella raffigurazione di pesci, crostaci e molluschi, disposti attorno al tondo della coppetta centrale in numero e posizioni che in generale variano tra la produzione ateniese e le altre greche d’Occidente. Tra tutte, la tradizione ceramografica apula mostrerebbe un più frequente utilizzo di immagini di pesci anche in elaborate scene dal contenuto mitologico. Inoltre, ceramografi vicini nello stile ai Pittore di Licurgo e Varrese e poi soprattutto nella cerchia del Pittore di Dario avrebbero introdotto la consuetudine di ornare con fregi di creature marine fasce di divisione tra registri su crateri a volute, nestorides, anfore, loutrophoroi9 o nel tondo di piatti di altro tipo sia a contorno della rappresentazione di Frisso sull’ariete sia come unico elemento decorativo. Ciò consente di asserire una sicura padronanza nella rappresentazione di figure marine da parte dei ceramografi apuli, che dipinsero pesci isolati anche su vasi di altra forma10 e di istituire una comparazione stilistica utile a classificare i piatti da pesce nella tradizione prima tarantina e poi canosina, caratterizzate da un repertorio particolarmente ricco di specie ittiche ed elaborato negli esiti decorativi, con l’aggiunta di ombreggiature e sovraddipinture e l’inserimento di creature marine più piccole (ad es. conchiglie, stelle e cavallucci di mare) tra quelle di dimensioni maggiori.

Sul senso della scelta decorativa ricorrente, applicata a contenitori dalla peculiare morfologia, si sono da sempre esercitate le ipotesi di interpretazione funzionale. Talora, esse sono state focalizzate sulla possibile valenza simbolica delle immagini di pesci, in relazione diretta con i contesti funerari11, cui spesso i piatti erano destinati, oppure in una relazione mediata attraverso la presunta appartenenza del vaso al set per il simposio, nel quale esso, con il nome di όξύβαφον avrebbe avuto la funzione di bersaglio nel κότταβος δι᾽ὀξυβάφων12. Più convincente risultava l’opinione secondo cui tali piatti fossero destinati al servizio forse anche di altri alimenti ma soprattutto dei pesci, come supportato da argomentazioni di carattere sia indiziario sia probatorio: tra le prime, la raffigurazione assolutamente prevalente di animali marini commestibili e la presenza della cavità centrale, destinata a contenere (direttamente o mediante l’inserimento di coppette, talora rinvenute in associazione) salse di condimento oppure a raccogliere o a far defluire (nei casi con fondo forato) il residuo liquido del cibo marino13; tra le seconde, il rinvenimento di resti di pesci all’interno di alcuni piatti, tra cui il noto esemplare siceliota del Pittore Bastis rinvenuto nella tomba 36 della necropoli punica di Palermo14.

In collegamento con questa interpretazione funzionale, veniva respinta l’ipotesi secondo cui la denominazione antica del piatto da pesce fosse όξύβαφον, termine attestato da un’iscrizione graffita sotto un esemplare da Olinto15: tale termine sembrerebbe riferibile piuttosto alla sola cavità centrale o alla coppetta che poteva esservi inserita, più adatta per dimensioni all’uso di tale όξύβαφον quale bersaglio galleggiante16. Fu invece accettata l’ipotesi che riconosceva il termine più adatto a indicare il piatto da pesce17, ligneo e ceramico, in πίναξ (e nel suo diminutivo πινακίσκος), documentato in combinazione con l’aggettivo ἰχθυηρός (Aristofane, Pluto 814; Ateneo VI, 229e-f)18.

Questioni di gusto, problemi di indagine e spunti interpretativi

Il diffuso apprezzamento per i piatti da pesce pesci sembra unire le popolazioni antiche del Mediterraneo a studiosi e collezionisti moderni. Un piatto così modellato e dipinto compare per la prima volta nel 1761 nella monumentale Recueil d’antiquités égyptiennes, étrusques, grecques, romaines et gauloises del Conte di Caylus (vol. IV, tav. XLI). Inizia così la storia di un’attenzione, in seguito sempre crescente, verso reperti nei quali potevano fondersi, in un solo oggetto, il gusto antiquario e quello scientifico propri della cultura del tempo19.

Analoga convergenza di approcci emerge nella successiva storia degli studi anche attraverso l’opera di Arturo Palombi, naturalista e autore di contributi su piatti e altri vasi decorati con fauna marina conservati nei musei di Capua e Napoli, nonché di un repertorio per l’identificazione della fauna ittica edibile utilizzato anche da McPhee-Trendall20. La stretta convivenza dei due input ha fomentato l’ininterrotta circolazione dei piatti da pesce nel collezionismo e nel commercio antiquario, talché le collocazioni dei vasi consistono in larga misura in collezioni private e case d’asta e inevitabilmente esigua è la percentuale di piatti per i quali siano noti dati di provenienza e, ancor più, di contesto. Ciononostante, sulla base di quelli noti, si può senza dubbio confermare e meglio precisare il quadro geografico di fabbricazione e circolazione precedentemente tratteggiato. Nuovi rinvenimenti certificano la ipotizzata produzione locale sulla costa orientale dell’Adriatico – a Durazzo (Albania)21 e a Issa (Croazia)22 – e nell’area etrusco/laziale – a Caere, Tarquina e Roma23. I piatti da pesce prodotti tra Sicilia e versante tirrenico meridionale della penisola continuano a rappresentare un punto di riferimento per i successivi sviluppi della tipologia vascolare in ambito italiota e italico. Se studi specifici su Sicilia, Campania e Calabria ne hanno messo in evidenza gli aspetti di produzione e circolazione e la relazione con la tradizione alimentare e gastronomica del Mediterraneo24, la mappa di diffusione dei piatti sicelioti si è ulteriormente estesa verso Nord fino a Ostia, a conferma di intense rotte commerciali tirreniche e mediterranee, testimoniate anche dalla presenza di piatti campani nei santuari di Pyrgi e di Ardea, quest’ultimo luogo di arrivo anche di un piatto pestano, e fino a Naucrati25. Per i piatti apuli, si conferma il quadro distributivo già evidenziato e si rafforza la possibilità di sostenere l’esistenza di produzioni specializzate in loco nel territorio ruvese26 e in quello daunio, anche con realizzazioni a tempera27, vere e proprie imitazioni di quelle a figure rosse. Nel confermare la prevalente vocazione marittima dei luoghi di rinvenimento e la persistente assenza di piatti da pesce in regioni distanti dal mare, sembra dunque rafforzarsi l’idea che essi, anche nella versione figurata, costituiscano una testimonianza della reale consuetudine di cuocere e consumare animali marini. Tuttavia, nonostante il recente recupero della provenienza locale di un piatto oggi al MArTA (fig. 5), resta sorprendente la penuria di riscontri proprio a Taranto, città certamente caratterizzata da una fiorente attività di pesca e sede della ipotetica produzione apula originaria.

Fig.5. Piatto da pesce apulo da Taranto, C. da S. Lucia, attribuito al Gruppo Perrone e Frisso. Foto G. Gadaleta.

Ulteriori riflessioni sull’uso dei piatti da pesce si possono raccogliere e formulare anche sulla base di differenti approcci. Osservazioni sui dettagli morfologici hanno, ad esempio, rafforzato nel tempo l’idea della sua funzionalità nel servizio e nel consumo di alimenti: la forma aperta è adatta a garantire l’immediata visibilità del contenuto; contro l’obiezione dell’inutilità concreta di un contenitore privo di anse, appaiono invece appropriate le considerazioni sulla comodità e solidità di presa garantite dalla conformazione dell’orlo pendulo espresse già nelle prima edizione a noi nota di un piatto da pesce figurato; si potrebbero aggiungere la somiglianza nel profilo e la conseguente interscambiabilità funzionale tra piatti e coperchi in ceramica comune da mensa e da cottura, forse immaginabili anche per questa tipologia; infine, la possibilità che la particolare conformazione del labbro pendulo fosse utile a garantire il sicuro appoggio del vaso su un supporto in relazione a specifiche tecniche di cottura o per il servizio a tavola. Quanto poi all’utilizzo specifico per contenere pesci, molluschi e crostacei, spesso cotti con modalità tali da lasciare agli alimenti un contenuto liquido e comunque serviti con salse di accompagnamento, alla segnalazione della particolare conformazione e della occasionale foratura della coppetta centrale, si sono aggiunte, con particolare riferimento al contesto punico nel Mediterraneo occidentale, utili considerazione derivate dall’esame crono-tipologico dei piatti, che hanno evidenziato come diametro e profilo della vasca, dimensioni e forma del labbro e della cavità centrale si siano modificati e, proprio nel IV secolo a.C., assimilati alle caratteristiche degli esemplari greci in conseguenza dell’adozione delle relative consuetudini culinarie28.

Di notevole interesse è, inoltre, la coincidenza cronologica tra la comparsa di piatti da pesce figurati e quel radicale mutamento avvenuta tra V e IV secolo a.C. che trasformò l’approvvigionamento e la preparazione dei cibi da mere operazioni necessarie alla sopravvivenza in vera e propria arte, nell’ambito della quale le fonti letterarie, e in particolare la trattatistica gastronomica, fiorita in quest’epoca, assegnano un ruolo di primo piano proprio ai prelibati prodotti del mare raffigurati sui piatti29. Il legame tra la forma e il consumo di seafood non appare inoltre contraddetto dalla esigua quantità di esemplari figurati in cui sono rappresentati piccoli animali o elementi vegetali30, rinconducibili all’uso del piatto per altri cibi, né dalla presenza, altrettanto contenuta, di creature marine fantastiche o non edibili o addirittura di figure umane, imputabile a fantasiose variazioni introdotte nella tarda produzione canosina senza compromettere la riconoscibilità della funzione di vasi dalla ormai consolidata standardizzazione di forma e sintassi decorativa.

Le fonti letterarie, inoltre, confermano l’esistenza di vasi di forma aperta, comodi da maneggiare e trasportare, impiegati per contenere pesci, tra cui un contenitore in ceramica poco profondo e di circa 20-25 cm di diametro denominato τρύβλιον, termine che potrebbe essere adatto a definire i piatti da pesce31. Tale ipotesi può affiancarsi, senza sostituirla, a quella secondo cui essi il nome più adatto a definire contenitori lignei e ceramici di uso comune fosse πίναξ. Quest’ultima – corroborata anche dall’iscrizione ΠΙΝΑ[Ξ]32 graffita su un piatto, invero di tipologia differente, rinvenuto in una tomba di Spina – non viene peraltro smentita dall’iscrizione ὀψοφόρος Διονυσíω, graffita su un piatto da pesce a vernice nera, rinvenuto in una tomba pestana, che qualifica il piatto quale porta- ὄψον (gustosa preparazione), vocabolo che, a partire dal V-IV secolo, indica prettamente le apprezzatissime portate a base di prodotti della pesca: il termine ὀψοφόρος è infatti attestato in letteratura proprio come aggettivo di πίναξ, all’interno di un contesto poetico che costituisce un vero e proprio trionfo di deliziosi bocconi di origine marina (frammento del Banchetto attico di Matrone in Ateneo IV, 135d)33.

Prove certe, quali il rinvenimento di resti scheletrici e residui organici di pesci all’interno dei piatti o in associazione con essi, documentano inoltre l’utilizzo effettivo di piatti da pesce, per lo più nella versione non figurata, anche in altre località del Mediterraneo occidentale, soprattutto in ambito fenicio-punico (Sicilia, Malta, Sardegna, Tunisia)34. Non v’è dunque ragione di dubitare che anche nel mondo greco piatti di tal foggia fossero adoperati nella pratica quotidiana del trasporto e del servizio del pesce, specialmente nella versione in legno e in quella in ceramica comune, ma anche in quella ricoperta di rivestimenti in grado di assolvere una funzione impermeabilizzante (ad es. la vernice nera). Meno scontato è che all’umile uso quotidiano fossero destinati i piatti figurati, del cui effettivo impiego resta finora prova isolata la già citata attestazione palermitana, mentre l’associazione tra un piatto frammentario e residui di pesce riscontrata nel santuario di Pyrgi non sembra sufficiente a dimostrare l’impego del primo per contenere i secondi.

La funzione dei piatti da pesce figurati va in definitiva meglio compresa attraverso un più sistematica e ampia applicazione di indagini che uniscano approcci moderni e diversificati. Allo stato attuale, tuttavia, le pur parziali informazioni di contesto forniscono una possibile chiave di lettura. Se si esclude un ridotto numero di esemplari provenienti da aree residenziali (ad es. a Olinto e Mozia) – in ogni caso contesti eccezionali, tra le cui suppellettili non stupisce la presenza della versione figurata, più raffinata e costosa rispetto a quella lignea o in ceramica comune – la stragrande maggioranza dei piatti da pesce a figure rosse si conferma proveniente da tombe, contesti privilegiati di provenienza della ceramica figurata, ma anche da santuari, in Grecia (Brauron, Delos, Delfi, Isthmia), in Sicilia e in Italia meridionale (Morgantina, Mozia, Paestum), lungo la costa adriatica orientale (Durazzo) e in quelle località, più distanti dai luoghi di produzione, in cui i vasi italioti, più che tracce di vere e proprie importazioni, potrebbero costituire tracce della pratica rituale di singoli frequentatori di santuari (Ardea e Pyrgi)35.

Sebbene non fosse oggetto consueto di sacrificio, il pesce era tuttavia alimento cotto, consumato e presentato in occasione di banchetti e offerte rituali, come attestano anche recenti analisi scientifiche applicate ai residui organici in recipienti ceramici di varie classi36. Non manca, inoltre, la possibilità di tentare un approfondimento del nesso tra il consumo di determinate specie ittiche e le divinità cui l’offerta era consacrata, come sembrano mostrare indagini su fonti letterarie e iconografiche o su contesti collegabili ai culti di Demetra e Kore, Atargatis-Astarte-Afrodite e Artemide-Ecate37.Né mancano attestazioni relative alla pratica di offrire pesci in onore dei defunti38. È dunque ragionevole supporre che il piatto da pesce sia da intendersi come forma vascolare utilizzata non solo nella vita quotidiana per contenere pesci, crostacei e molluschi con i loro condimenti e raccoglierne il residuo liquido, ma anche in occasione di banchetti e offerte rituali, poiché capace di garantire una vera e propria ostensione del pasto di mare, sempre più apprezzato proprio nell’arco cronologico di maggior diffusione di questa tipologia vascolare.

Anche nella sua versione dipinta a figure rosse, il piatto da pesce potrebbe essere stato adoperato in contesti domestici eccezionali e, più spesso, nel rito. Tuttavia, non va trascurata la possibilità, già intuita dal Patroni, di un processo di simbolizzazione, in base al quale il piatto figurato abbia assunto in sé la funzione di offerta, capace attraverso forma e sintassi decorativa standardizzate di alludere alla sua reale funzione anche in presenza di eccezionali e tarde rappresentazioni di specie non commestibili e persino attraverso realizzazioni non certo utilizzabili quali quelle dipinte a tempera o miniaturistiche. Una simile trasposizione dell’offerta dal reale alla sua immagine dipinta renderebbe, in conclusione la versione figurata del piatto da pesce, quando non realmente utilizzato, un “gustoso” τρύβλιον, un πίναξ ὀψοφόρος, portatore non già di vere pietanze di mare ma della loro raffigurazione, a suggello dell’avvenuto rito in onore di defunti e di divinità.

Giuseppina Gadaleta, "Per i defunti e per gli dei. Riflessioni aggiornate sui piatti da pesce a figure rosse," in CIAO Actualité des recherches sur la céramique italiote, 08/06/2021, https://ciao.hypotheses.org/1956.

  1. Rari esempi sono noti anche in marmo con decorazione policroma. Un piatto in argento proviene dalla tomba III di Vergina: I. McPhee, A.D. Trendall, Greek Red-figured Fish-plates, Antike Kunst, Beiheft 14, Basel 1987, 19. []
  2. Rari sono i piatti di forma rettangolare: uno di produzione tarantina, attribuito al Pittore della Sogliola (McPhee, Trendall 1987, cit., 119, n. IVA/22, tav. 44.b) e due di produzione canosina, attribuiti al gruppo dell’Ippocampo (McPhee, Trendall 1987, cit., 43, n. IVB/14a, tav. 11.4; J. M. Eisenberg, Royal-Athena Galleries, Art of the Ancient World, XIX, 2008, 60, n. 130 []
  3. Mc Phee, Trendall 1987, cit. []
  4. McPhee, Trendall, Addenda to Greek Red-figured Fish-plates, Antike Kunst, 33.1, 1990, 31–51 []
  5. McPhee, Trendall, 1987, cit., Appendix 5, 150, n. 4; G. Gadaleta, Linguaggi e tecnica della pittura a tempera nella Daunia della prima età ellenistica, in G. F. La Torre, M. Torelli (a cura di), Pittura ellenistica in Italia e in Sicilia. Linguaggi e tradizioni, Atti del Convegno di Studi (Messina 2009), Roma 2011, 319-330, fig. 91 []
  6. McPhee, Trendall 1987, cit., 115, 127-133. []
  7. McPhee, Trendall 1987, cit., 54. []
  8. McPhee, Trendall 1987, cit., 19-20. []
  9. K.E. Heuer, The Decorative Sea: Marine Life on Monumental Apulian Vases, in C. Lang-Auinger, E. Trinkl (a cura di), ΦΥΤΑ ΚΑΙ ΖΩΙΑ. Pflanzen und Tiere auf griechischen Vasen, Akten des Internationalen Symposiums an der Universität Graz, 26.-28. September 2013, Corpus Vasorum Antiquorum Österreich Beiheft 2, Wien 2015, 179-187 []
  10. McPhee, Trendall 1987, cit., 127, n. IVA/100a []
  11. J. Thimme, Rosette, Myrte, Spirale und Fisch als Seligkeitszeichen in etruskischen unteritalischen Gräbern, in P. Zazoff (ed.), Opus Nobile: Festschrift zum 60. Geburtstag von Ulf Jantzen, Wiesbaden 1969, 156-163; A. P. Kozloff, Two South Italian Vases: Fish Plate and Frog Bottle, The Bulletin of the Cleveland Museum of Art, 73,10, 1986, pp. 406–414; C. Zindel, Meeresleben und Jenseitsjahrt, Die Fischteller der Sammlung Florence Gottet, Zürich 1998; Heuer 2015, cit., 179-187 []
  12. N. Kunisch, Griechische Fischteller: Natur und Bild, Berlin 1989, 51-62 []
  13. E. Bloedow, C. Björk, An ‘Apulian’ Red-Figure Fish Plate in the Museum of Collection of the Department of Classical Studies at the University of Ottawa, in Mélanges offerts en hommage au Révérend Père Étienne Gareau, Cahiers des études anciennes 14, Ottawa 1982, 91-124. []
  14. McPhee, Trendall 1987, cit., 66, n. IB/7, tav. 15c. []
  15. L. Ambrosini, The Role of Ceramics in understanding Place in the Hellenistic World: the Fish-Plates in Etruria, in I. Kamenjarin, M. Ugarkovic (a cura di), Exploring the Neighborhood: The Role of Ceramics in understanding Place in the Hellenistic World, 3rd IARPotHP Conference, Kastela (Croatia), 1th-4th June 2017, Wien 2020, 193-201, 195, fig. 1, con bibl. prec. []
  16. McPhee, Trendall 1987, cit., 32-33. []
  17. si veda il Compte rendu de la Commission Impériale Archéologique: pour l’année 1866 (1867) []
  18. L. Lacroix, La faune marine dans la décoration des plats à poissons. Étude sur la céramique grecque d’Italie meridionale. Verviers 1937, 34-35; McPhee, Trendall 1987, cit., 32-33. []
  19. Sulla stretta connessione tra naturalismo e antiquaria nella cultura europea del XVII secolo, M. Toscano, Gli Archivi del mondo. Antiquaria, storia naturale e collezionismo nel secondo Settecento, Firenze 2009. []
  20. A. Palombi, I dipinti di fauna marina esistenti nel Museo Campano di Capua, Atti dell’Accademia Pontaniana, n.s. 11, 1962, 214-219; Id., Anfore e piatti decorati con motivi di fauna marina esistenti nel Museo Nazionale di Napoli, Atti dell’Accademia Pontaniana, n.s. 23, 1974, 168-180; A. Palombi, M. Santarelli, Gli animali commestibili dei mari d’Italia, Milano 1979 []
  21. H. Myrto, Un luogo di culto con altare a gradini a Durazzo, Studi di Antichità, 8.1, 1995, 259-274, 267-268, fig. 10. []
  22. M. Ugarković, The Red-figure fish plate from Issa, Vjesnik za arheologiju i povijest dalmatinsku, 106, 2013,  75- 98 []
  23. L. Ambrosini, Elementi per la ricostruzione della fisionomia del Latium vetus durante l’età medio-repubblicana attraverso l’analisi delle produzioni e del commercio, in F. Cifarelli, S. Gatti, D. Palombi (a cura di), Oltre « Roma medio-repubblicana »: Il Lazio tra i Galli e la battaglia di Zama, Atti del Convegno Internazionale, Roma 7-8-9 giugno 2017, Roma 2019, 227-248: 228-229; Ambrosini 2020, cit. []
  24. F. Mollo, Tra Sicilia e Campania. Osservazioni sui contesti di provenienza e sull’iconografia dei piatti da pesce del basso Tirreno, Sicilia Antiqua, IV, 2007, 65-86; Id., Tradizioni alimentari e dieta mediterranea nel mondo antico. Pesca, produzione e consumo del pesce e delle relative salse in Magna Grecia ed in Sicilia, in A. Bacarella (a cura di), Sicilia e Dieta Mediterranea, Atti del Convegno. Palermo 27 novembre 2006, Palermo 2007, 42-53; Id., Attetazioni di piatti da pesce dalla Calabria meridionale: alcune riflessioni tra produzione ed iconografia, in G. Lena (a cura di), Ricerche storiche in Calabria: modelli e prospettive, Atti del Convegno in onore di G. Azzimmaturo. Cosenza 24 marzo 2007, Cosenza 2008, 131-142; Id., il consumo del pesce tra cultura alimentare e dati archeologici: traffici commerciali e scambi culturali tra Sicilia nord-occidentale e coste tirreniche della Magna Grecia (IV sec. a.C. – III sec. d.C), in Cenabis bene. L’alimentazione nella Sicilia antica, XIV Convegno di Studi. Sicilia Antica, Caltanissetta 1-2 dicembre 2017, Caltanissetta 2019, 155-174 []
  25. G. Gadaleta, L.  Todisco, La ceramica italiota e siceliota. Produzione, circolazione, fruizione, Ostraka, 22‑23 (2013), 7‑28; Ambrosini 2020, cit., 35, con bibl. prec. []
  26. Gadaleta 2017, cit. []
  27. Gadaleta 2011, cit. []
  28. L. Campanella, A.M. Niveau-de-Villedary y Mariñas, Il consumo del pescato nel Mediterraneo fenicio e punico. Fonti letterarie, contesti archeologici, vasellame ceramico, in S.F. Bondì, M. Vallozza, Greci, Fenici, Romani: Interazioni culturali nel Mediterraneo antico, Atti delle Giornate di Studio (Viterbo 28-29 maggio 2004), Viterbo 2005, 27-67: 57-63 []
  29. G. Gadaleta, L’anguilla di Diceopoli ed altri pesci nel teatro attico e nella documentazione archeologica, in A. Coppola, C. Barone, M. Slavadori (a cura di), Gli oggetti sulla scena teatrale ateniese, Funzione, rappresentazione, comunicazione. Giornate internazionali di studio Università degli Studi di Padova 1-2 dicembre 2015, Padova 2016, 211-235: 219-228 []
  30. Zindel 1998, passim, con figg. []
  31. Gadaleta 2016, cit. []
  32. Ambrosini 2020, cit., 195, fig. 2, con bibl. prec. []
  33. Ambrosini 2020, cit., 194, fig. 3, con bibl. prec. []
  34. Campanella, Niveau-de-Villedary y Mariñas 2005, cit. []
  35. Gadaleta, Todisco 2013, cit. []
  36. Ad es. a Corinto, Atene, Messene, Mileto, Cirene, Cipro, Malta: F. Notarstefano, Ceramica e alimentazione: l’analisi chimica dei residui organici nelle ceramiche applicata ai contesti archeologici, Bari 2012, 135. []
  37. R. Carboni, Sacrifici non cruenti. Alcune considerazioni sulle offerte di pesci nel linguaggio religioso del mondo greco, Scienze dell’antichità, 23.3, 2017, 207-220; Notarstefano 2012, cit., 135. []
  38. Gadaleta 2016, cit. []

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search