Una storia spezzata. Guerrieri ed eroi ad Arpi. Visita la mostra virtuale del Museo del Territorio di Foggia

Il Museo del Terittorio, la Soprintendenza di Foggia e il Centre Jean Bérard di Napoli propongono di prolungare la visita della mostra Una storia spezzata. Guerrieri ed eroi ad Arpi grazie a un dispositivo virtuale, realizzato da Andrea Belardinelli Fotografie, con la partecipazione scientifica del Centre Jean Bérard e della Soprintendenza.

Questa mostra, inaugurata il 6 dicembre 2017, ha presentato per la prima volta al publico un ricco corredo di vasi a figure rosse, oggetto di un sequestro nel 2011 e di un conseguente intervento di recupero svolto nel 2012 in località Arpi – Montarozzi, in collaborazione con il Nucleo Mobile della Compagnia di Foggia della Guardia di Finanza.

Questi vasi di altissima fattura artistica ed esecutiva sono stati oggetti di una complessa operazione di restauro effettuata presso il Laboratorio della Soprintendenza, con il contributo della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia. Si inseriscono nell’ambito delle attività di documentazione e studio dello straordinario patrimonio archeologico dell’antica città di Arpi, svolto dal 2014 nell’ambito del Progetto “Arpi Project: abitare una città”1, promosso dal 2014 dal Centre Jean Bérard di Napoli e dall’Università degli Studi di Salerno.

Per cominciare la visita : http://andreabelardinelli.com/unastoriaspezzata/

 

 

  1. Sul progetto : Claude Pouzadoux, Priscilla Munzi, Alfonso Santoriello, Italo M. Muntoni, Vicenzo Amato, Luca Basile, Marcella Leone, Salvatore Patete, Airton Pollini, Marco Rossi, Enzo Rizzo, Vito Soldani et Alessandro Terribile, « Arpi », Chronique des activités archéologiques de l’École française de Rome [En ligne]: https://journals.openedition.org/cefr/1835 []

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search